Un tris eterogeneo ed esplosivo...

Måneskin, System Of A Down e Harry Styles

Tra poche settimane sarà ora di provvedere allo shopping natalizio musicale, e molti artisti stanno posizionandosi per tempo…

Partiamo con una formazione italiana. A distanza di due anni dall’album di debutto “Il ballo della vita”, doppio disco di platino, i Måneskin ritornano sulla scena con un brano diretto e introspettivo che dà il via a una nuova fase del gruppo, “Vent’anni”. Scritta dai Måneskin e prodotta con Fabrizio Ferraguzzo, “Vent’anni” è una rock ballad cruda e contemporanea in forma di lettera aperta in cui si intrecciano i pensieri di Damiano con quelli del suo alter ego più maturo, dando vita a un dialogo che vuole incoraggiare i ventenni spesso già disillusi sotto il peso dei giudizi e delle incertezze sul futuro. “Ho scritto quello che io stesso avrei voluto sentirmi dire da qualcuno più adulto ora che ho vent’anni”, racconta il cantante. Parole rivolte ai coetanei, ma che fanno ricordare anche a chi ventenne non lo è più quanto “farà male il dubbio di non essere nessuno”, quanto a quell’età faccia paura, ma allo stesso tempo sia naturale sbagliare, spinti dal desiderio di fare qualcosa di grande perché “sarai qualcuno se resterai diverso dagli altri”. 

Il videoclip del brano è stato ideato dai Måneskin e diretto da Giulio Rosati e gioca con il dualismo cromatico: vuole - proprio come recita la canzone - “spiegare cosa è il colore a chi vede bianco e nero”. 

Proseguiamo con i SYSTEM OF A DOWN, una delle rock band più amate al mondo, certificata multiplatino e vincitrice di un Grammy, che non pubblicavano nuova musica da 15 anni. Tutto è cambiato l'11 novembre quando, profondamente motivati dal conflitto scoppiato di recente tra Artsakh (Nagorno Karabakh) e Azerbaigian, la band composta da Daron Malakian (chitarre, voce), Seri Tankian (voce), Shavo Odadjian (basso) e John Dolmayan (batteria) ha pubblicato due brani inediti: "Project The Land" e "Genocidal Humanoidz". 

Prodotte da Malakian, che ha anche scritto la musica e i testi, entrambe le tracce sono disponibili in digitale ed il video di "Protect The Land" è visibile qui. Le royalties provenienti dallo streaming e dalla vendita dei due brani sono destinate all’Armenia Fund.

Perché pubblicarli proprio ora? 

"Le aggressioni e le ingiustizie continue contro il popolo armeno in Artsakh e in Armenia da parte dell’Azerbaigian e della Turchia sono una violazione dei diritti umani e un crimine di guerra - ha affermato Tankian - Tutti noi System ci rendiamo conto che questa è una battaglia esistenziale per la nostra gente, quindi è molto personale per noi. Ciò di cui abbiamo bisogno in questo momento è che il mondo metta da parte la politica e sostenga l'Armenia sanzionando la Turchia e l'Azerbaigian e riconoscendo l'Artsakh".

Terminiamo con Harry Styles, che dopo il grande successo di “Adore You” e “Watermelon Sugar” torna con “GOLDEN”, il cui video ha già superato 36 MILIONI di visualizzazioni (è stato girato in Italia, sulla splendida Costiera Amalfitana, e diretto da Ben e Gabe Turner. 

Golden”, già certificato DISCO D’ORO con 181 milioni di stream, è contenuto nell’album FINE LINE, che ha a sua volta debuttato al #1 della Billboard 200. 

Classe 1994, Harry Styles è uno degli artisti inglesi più interessanti e sorprendenti degli ultimi anni, capace di conquistare pubblico e critica grazie al suo straordinario carisma e alla sua sensibilità artistica.

Questa la tracklist di “FINE LINE”:

1. Golden

2. Watermelon Sugar

3. Adore You

4. Lights Up

5. Cherry

6. Falling

7. To Be So Lonely

8. She

9. Sunflower, Vol. 6

10. Canyon Moon

11. Treat People With Kindness

12. Fine Line

Le immagini utilizzate sono esclusivamente “for promo use only”, selezionate per noi da Rockol tra quelle messe a disposizione dei media da label e uffici stampa per utilizzo a corredo di articoli e notizie e/o immagini con licenza CC, come segnalato nei singoli casi.