VINCI ORA!

Tony Allen e Hugh Masekela - “REJOICE”

Se metti insieme due pezzi da novanta dell’afro-jazz, è probabile che salti fuori un fantastico album. Qui abbiamo Tony Allen, il batterista creatore insieme a Fela Kuti del Nigerian Afrobeat, e Hugh Masekela, grandissimo trombettista scomparso due anni fa oltre che simbolo del movimento anti-apartheid in Sudafrica. Il loro “Rejoice” prende forma nel 2010, quando i due finalmente realizzano il progetto di suonare insieme presso i Livingston Studios di Londra, e vede la luce ora grazie alla rivisitazione e al “confezionamento” del produttore Nick Gold e dello stesso Toni Allen.

Il loro è una sorta di afrobeat incorporato nel bebop, grazie anche all’apporto di musicisti come Tom Herbert al basso acustico, Joe Armon-Jones degli Ezra Collective alle tastiere, e Steve Williamson al sax tenore. 

E questa atomosfera jazz è in qualche modo lanciata sin dalla copertina dell’album, chiaramente un omaggio alla grafica della storica etichetta Blue Note. 

In “Rejoice” abbiamo tutti la libertà di cogliere tanto lo spirito di Miles Davis quanto echi puramente swing, così come di oscillare tra il ritmo irresistibile di "Obama Shuffle Strut Blues" (omaggio all’allora presidente U.S.A.) e lo spirito di un brano come “Slow Bones”.

Ed a concedercela è proprio la definizione dello stesso Tony Allen, secondo il quale il disco "è una specie di spezzatino di jazz swing sudafricano-nigeriano”.

Le immagini utilizzate sono esclusivamente “for promo use only”, selezionate per noi da Rockol tra quelle messe a disposizione dei media da label e uffici stampa per utilizzo a corredo di articoli e notizie e/o immagini con licenza CC, come segnalato nei singoli casi.