Courmayeur in 5 mosse.

Poche località possono vantare l’allure di Courmayeur. Meta eccellente tutto l’anno, in inverno questa perla valdostana assume i contorni veri e propri della leggenda. All’ombra del Monte Bianco, che con i suoi 4.810 metri è la montagna più alta d’Europa, la vita scorre tra giornate sulle piste, serate glamour, appuntamenti da VIP.

Ancor più quest’anno, grazie al concept di MINI ALL4 EXPERIENCE che ritroverete al Super G, il primo Mountain Lodge d’Italia, di cui MINI firma ancora, dopo il successo dello scorso anno, gli ambienti interni ed esterni.

 

100 km di piste.

È uno dei comprensori sciistici più antichi d’Italia. Oltre 100 km di piste, preparate alla perfezione, per ogni tipologia di sciatore o snowboarder. Il comprensorio di Courmayeur ha due versanti: quello di Chècrouit e quello della Val Veny. A collegarli, la bellissima pista internazionale di Courmayeur. Il panorama mozzafiato sul Monte Bianco non teme rivali. Gli amanti dello sci di fondo, invece, troveranno il loro paradiso in Val Ferret.

 

 

La carrucola più lunga (e alta) d’Europa.

Se tuffarsi in ardite discese lungo le piste non vi basta, si può mettere in programma una visita al Parco Avventura Mont Blanc che sorge a Pré-Saint-Didier. I sette percorsi, immersi nel bosco, garantiscono ogni tipologia di difficoltà, tra ponti nepalesi e tirolesi, scale flottanti, tronchi instabili, liane e reti.

L’emozione diventa violenta con la carrucola sospesa sulla gola dell’Orrido di Pré-Saint-Didier: con i suoi 130 metri sospesi a 188 metri d’altezza è la più alta e lunga d’Europa.

Coraggio!

 

L’ottava meraviglia del mondo.

Toccare il cielo con un dito? A Courmayeur è possibile. Basta salire sul modernissimo Skyway Monte Bianco, l’impianto che in 15 minuti conduce gli utenti sulla terrazza panoramica circolare di Punta Helbrenner, a 3.466 metri d’altezza. Tutt’attorno, ci sono i “4000” a far da sentinella: il Cervino, il Monte Rosa, la Grivola, il Gran Paradiso. E ovviamente il Monte Bianco.

L’impianto parte dai 1.300 metri di Courmayeur, fa tappa intermedia al Pavillon du Mont Fréty (2.200 m) e arriva fino a Punta Helbronner, punto di partenza per percorsi alpinistici e fuori pista.

 

 

Un po’ di relax.

La nomea di Courmayeur, ancor prima della sua vocazione sciistica, è nata proprio dalle terme di Pré-Saint-Didier. Oggi sono un vero gioiello, tra cascate tonificanti, idromassaggi, centro benessere, piscine termali, saune, bagni turchi e percorsi Kneipp. Si può addirittura fare yoga recovery con vista sul Monte Bianco. Il massimo del relax, no?

 

L’alta ristorazione… in alta montagna.

La cittadina alpina è pronta ad ospitare la manifestazione Taste of Courmayeur che si svolgerà dal 26 al 28 gennaio 2018 presso il Mountain Sport Center. Saranno tre giorni all’insegna dell’alta cucina, che vedranno protagonisti sei grandi chef, attività didattiche, laboratori, show cooking e lezioni di mixology.

Una vera giostra gourmet, dove si potranno assaporare i migliori sapori della Valle D’Aosta e di tutta Italia.