2019, l’anno di Blade Runner. In cosa è stato profetico e in cosa no.

Ho visto cose che voi umani non potete neanche immaginare”, chi non ha sentito queste parole almeno una volta? Vengono pronunciate in uno dei più grandi film di fantascienza di sempre, Blade Runner. Quest’anno il capolavoro di Ridley Scott festeggia un anniversario particolare. La storia è infatti ambientata nella Los Angeles del 2019.

Uscito nel 1982 e basato su un romanzo di Philip K. Dick, Blade Runner immagina un futuro cupo e ultratecnologico in cui un poliziotto fuori servizio dà la caccia a un gruppo di replicanti (androidi dalle sembianze umane). Oggi viviamo quel futuro. Vediamo se ci aveva azzeccato e alcune curiosità sul film.

Non può piovere per sempre.

Chi lo ha visto lo sa, in Blade Runner piove sempre e c’è qualche sbuffo di fumo che svolazza. I cambiamenti climatici stanno effettivamente mettendo a rischio il nostro pianeta, ma per ora il nostro meteo è ancora abbastanza simile al 1982. Ci sono ancora giornate di sole per fortuna.

 

 

Macchine volanti.

Un altro elemento che domina diversi film di fantascienza, e Blade Runner non fa eccezione, è rappresentato dalle macchine volanti. Le cosiddette “spinner” nel film di Scott svolazzano alzandosi come elicotteri sibilanti e fluttuano fino a destinazione. Ebbene oggi possiamo dire che nel 2019 le auto viaggiano ancora su strada.

 

 

Video chiamate e vocali.

Se c’è una cosa che già si vedeva in Blade Runner e oggi è più che pane quotidiano sono le video chiamate. Solo che in questo caso la realtà ha superato la fantascienza. Nel film si parlava ancora tramite telefono fisso mentre oggi sappiamo bene che le nostre interazioni avvengono soprattutto tramite smartphone. Anche sul riconoscimento vocale siamo andati molto avanti: il protagonista Rick Deckart (interpretato da Harrison Ford) lo usava per identificare le immagini dei replicanti, oggi con Google Home e Amazon Alexa possiamo ordinare persino le pulizie di casa.

Un film complicato.

Prima di essere considerato un caposaldo della cinematografia Blade Runner è stato una specie di massacro. La proverbiale tirannia di Ridley Scott gli ha praticamente inimicato tutto il set. Nel corso delle riprese ci sono state diverse proteste. Il budget, benché minore rispetto ad altri film dell’epoca, fu sfiorato. Pareva destinato al fiasco, finché non diventò un mito.

Umano o replicante?

Blade Runner è basato interamente sul rapporto tra umani e androidi. Rick Deckart sembra essere il simbolo degli esseri umani, ma ancora oggi il mistero sulla sua vera natura rimane. Il film non svela fino in fondo se sia un replicante o no. Persino i protagonisti del film hanno dichiarato cose contrastanti. Rimaniamo con il dubbio.