Il ritorno dei De Sfroos: dopo 25 anni di nuovo insieme

Dopo 25 anni, i mitici DE SFROOS tornano insieme per ripubblicare il loro primo storico album “MANICOMI”, che è stato appositamente rimasterizzato per l’occasione presso gli studi della RSI Radiotelevisione svizzera.

L’album contiene i 15 brani originali che, nella loro nuova veste rimasterizzata, faranno rivivere le storie di personaggi celebri per la fanbase di culto della band, come Anna, Lo Sconcio, Zia Luisa, Nonu Aspis e molti altri. E’ un’occasione per riassaporare lo stile tipico dei De Sfroos, la cui caratteristica principale è sempre stata l’uso naturale del dialetto come grande stimolo antropologico ed emotivo, per molti considerato invece come una sfida coraggiosa o una limitazione. L’obiettivo dichiarato del gruppo era far parlare più del dialetto che in dialetto.

Immagini e storie di figure, in parte realistiche e in parte cinematografiche, che offrono ancora oggi importanti spunti di riflessione su delicate tematiche, quali ad esempio il trascorrere del tempo, la guerra, il disagio psichico, la rivalsa dei diversi, la vendetta degli screditati.

Dal 25 settembre “Manicomi” sarà disponibile in formato CD e deluxe/limited edition (doppio vinile + CD) nei negozi tradizionali, oltre che su tutte le piattaforme streaming e in digital download.  

Il cofanetto deluxe/limited edition è disponibile anche in versione autografato sul sito MusicFirst

il disco è anche già disponibile in pre-order su iTunes e pre-save su Spotify a questo link

Il disco è dedicato a Marcu De La Guasta (Marco Pollini), uno degli storici componenti della band venuto a mancare nel 2017.

Oggi i De Sfroos sono: Davide Van De Sfroos (Davide Bernasconi), Alessandro Frode (Alessandro Giana), Didi Murahia (Arturo Bellotti) e Lorenzo Mc. Inagranda(Lorenzo Livraghi).

Le immagini utilizzate sono esclusivamente “for promo use only”, selezionate per noi da Rockol tra quelle messe a disposizione dei media da label e uffici stampa per utilizzo a corredo di articoli e notizie e/o immagini con licenza CC, come segnalato nei singoli casi.