Le release di Rocco Hunt, Sick Luke e Mancha

A due anni di distanza dall’ultimo disco ROCCO HUNT torna con la sua “Rivoluzione”, quinto album in studio del rapper che in meno di 10 anni di carriera ha superato 1,9 miliardi di stream totali. Prodotto da Valerio Nazo, il disco racchiude la duplice anima di Rocco Hunt: dalla capacità di cavalcare l’onda della melodia a quella di mettere tutto sé stesso nei testi, da ritornelli che restano in testa a brani che sono portavoce delle ingiustizie, dall’attenzione alle proprie origini campane ad una costante ricerca stilistica e innovazione nella scrittura dei pezzi. 

La copertina dell’album è stata realizzata eccezionalmente da Jorit, street artist rivoluzionario che opera principalmente a Napoli e che con la sua Human Tribe si è fatto conoscere in tutto il mondo. 
"Quest’opera per me rappresenta il riscatto degli ultimi, il riscatto delle periferie, il riscatto dei ragazzi di strada che trovano un loro percorso e raggiungono ciò che gli è sempre stato negato – afferma Jorit – questa è un po’ la storia di Rocco e anche la mia".
L’opera realizzata da Jorit sul volto di Rocco Hunt è stata immortalata da Fabrizio Cestari.
“Rivoluzione” contiene 15 tracce e featuring con Fabri Fibra, Gué Pequeno, Luchè, Carl Brave, Emis Killa, Yung Snapp, MV Killa, LeleBlade, Boomdabash, Geolier, Ana Mena.
Ecco la tracklist completa: “Nel percorso” intro di Lele Adani, “Rivoluzione”, “Solido” ft. Gué Pequeno, “Fantastica” ft. Boomdabash, “L’urdemo vase”, “Caffelatte” ft. Carl Brave, “Vada come vada” ft. Fabri Fibra, “Fiocco azzurro”, “Regole da infrangere” ft. Luchè, “Fa o brav” ft. Yung Snapp, MV Killa, LeleBlade, EmisKilla, “Te penso ancora”, “Un bacio all’improvviso” ft.Ana Mena, “Che me chiamm a fa” ft. Geolier, “A un passo dalla Luna” ft. Ana Mena, “Sultant a mij”.
 

Atteso dai numerosissimi fans acquisiti prima ancora del suo debutto discografico, ecco poi SICK LUKE che ha debuttato su tutte le piattaforme digitali con “LA STREGA DEL FRUTTETO”, suo primo singolo. Per questa prima release, il noto producer ha scelto di coinvolgere due artisti della nuova generazione musicale italiana: CHIELLO, fresco del successo del suo primo album solista “Oceano Paradiso”, e MADAME, artista che da oltre due anni ha rivoluzionato il linguaggio e i codici della musica italiana. “LA STREGA DEL FRUTTETO” trasporta nell’immaginario dark e misterioso di Luke, che racconta di un’infatuazione frastornante in cui il protagonista è ormai rassegnato all’idea di essere stato totalmente stregato dal fascino di una fata oscura, una strega. L’effetto che provoca questo incantesimo è straniante: una sensazione che crea dipendenza, a cui è stato impossibile resistere. È rassegnato, privato di tutto e pervaso da un buio che avvolge e che fa male, ma nonostante ciò felice di aver vissuto quelle emozioni.
Ed è il beat del pezzo, così incalzante e ammaliatore, ad enfatizzare secondo dopo secondo il potere seduttivo dell’incantesimo della strega.

Sick Luke è uno dei più giovani e prolifici producer d’Italia. Ha assorbito dal padre DUKE MONTANA, celebre esponente del TruceKlan, la passione per la musica, esibendo sin dalla prima adolescenza un innato talento nella produzione musicale.  Adesso, dopo anni passati dietro le quinte, SICK LUKE apre le porte del suo mondo, raccontando in prima persona la propria visione della musica che va oltre i confini di ogni genere: una “nuova wave”, come ama definirla lui stesso.
Comcludiamo la breve rassegna sulle nuove uscite con il nuovo singolo di MANCHA realizzato in collaborazione con Mr Monkey, “L’uomo più triste del mondo”, disponibile in streaming e digital download.  Mancha torna a esplorare nuovi territori sonori grazie alla semplicità delle sue doti strumentali, sfruttando quel ritorno delle chitarre tipico della sua generazione, che schiva ogni etichetta di genere e spazia in un campo musicale.

La grande attenzione alla musica, quella vera e suonata, è parte integrante del profilo artistico di Mancha, che ne fa un punto di forza. Il brano nasce da una chitarra e voce e poi da lì, grazie anche alla collaborazione con Mr Monkey, esplode in quella che è la canzone fatta e finita.  

”L’uomo più triste del mondo” è la descrizione dell’autoconsapevolezza e accettazione di essere una persona che prova tanta tristezza. Ciò che mi piace di più di questo singolo è la contrapposizione tra un’atmosfera cupa e la progressione in maggiore che è invece associata sempre a qualcosa di felice. Mi piace urlare che “sono l’uomo più triste del mondo” con tutta l’energia che ho in corpo al ritmo del tipico sound british rock. 

Leonardo

Le immagini utilizzate sono esclusivamente “for promo use only”, selezionate per noi da Rockol tra quelle messe a disposizione dei media da label e uffici stampa per utilizzo a corredo di articoli e notizie e/o immagini con licenza CC, come segnalato nei singoli casi.