5 consigli per gestire le password.

La maggior parte degli account informatici ha come password “123456”. Vediamo come rendere la vita un po’ più difficile agli hacker.

Oggi la maggior parte di noi ha parecchi account informatici in cui inserisce i propri dati, le proprie carte. Non molti, però, sono consapevoli dei rischi a cui si va incontro se questi profili non sono sicuri. Usare una password efficace è sicuramente un primo passo.

Non usare password semplici.

Anche se può sembrare una banalità non lo è. Le statistiche sui dati rubati nel corso di attacchi informatici confermano che la maggior parte delle persone usa come impenetrabile codice di accesso i numeri “123456”. Ma non solo, anche “password” è usatissima, e “111111”. È chiaro che quando si inserisce una password il pensiero è: metto una sequenza semplice che mi ricordo sicuramente. E gli hacker ringraziano. Meglio sforzarsi e scegliere un codice un po’ più complesso.

Non usare la stessa password per diversi account.

Siccome la nostra vita ormai è costellata di account, app, profili di ogni genere, bisogna scegliere se venire seppelliti da una tonnellata di password diverse oppure trovare un metodo per sopravvivere, e usare la stessa in tutti i nostri account. Gli hacker a questo punto sono già alle Hawaii con i nostri risparmi. Anche se costa un po’ più di fatica, è sempre meglio diversificare le password.

Usare strumenti per la gestione delle password.

Con tanti account e tante password, può diventare effettivamente difficile gestire gli accessi e ricordarsi tutto. Per fortuna c’è chi ha pensato anche a questo. Esistono diversi strumenti per la gestione in sicurezza delle nostre password. I più avanzati permettono di effettuare login e persino pagamenti direttamente tramite la app (senza quindi inserire i propri codici di home banking o simili). Si consiglia di usare tool a pagamento, non è mai una brutta idea investire sulla propria sicurezza.

Usare un metodo.

In mancanza di una app o di un sistema che organizzi tutti i dati di accesso, il consiglio è quello di usare un metodo, un semplice algoritmo fatto in casa per ricordarsi meglio la password. In questo modo ogni account avrà una password diversa, e quindi più sicura, ma con alcune costanti. Meglio usare codici alfabetici e numerici insieme, il massimo sarebbe aggiungere anche simboli come %, &, ?, che rafforzano il codice.

Una password non è per sempre.

Una cosa è certa, nonostante i metodi di protezione siano sempre più avanzati, uno dei modi più sicuri per evitare inconvenienti è usare password complesse, ma soprattutto cambiarle spesso. È vero, così è più difficile ricordarle. Dobbiamo però tenere presente che ormai sul web abbiamo dati preziosi, in molti casi sono collegate carte di pagamento e carte di credito. Insomma, la prudenza non è mai troppa.