Lucky Luciana

Se Cardi B e Megan Thee Stallion hanno portato al successo mondiale il più che controverso singolo “WAP”, oggi Lucky Luciana rilancia: l’ha infatti resuscitato con “WAP ITALIAN REMIX”, che quanto a sfrontatezza promette addirittura di salire di livello. 

Sì, ma: chi è Lucky Luciana?

Nata nel 1995 a Castrovillari in provincia di Cosenza, Luciana Campolongo sceglie lo pseudonimo di Lucky Luciana quando la sua strada si incrocia con quella del rap. Nel frattempo: un’infanzia difficile, una condizione economica di costante precarietà, un’adolescenza trasgressiva e autodistruttiva e la rinuncia allo studio per motivi economici la accompagnano fino ai 22 anni di età, quando inizia a frequentare un’accademia di canto e si concentra sulla musica. 

Nota fin dall’inizio per i testi totalmente espliciti, quest’anno ha imposto il suo linguaggio abrasivo con i brani “Lucky Pussy Cash” e “A Milano”, storie del suo passato difficile e dei lati più controversi del capoluogo lombardo. Con “Wap Italian Remix” (scritta dalla stessa Lucky Luciana insieme a Sebastiano Giuliani e Paolo Dragani) rincara la dose e nel video del brano, disponibile su youtube, l’artista si mostra in una veste ancora più provocatoria.

Lucky Luciana dice di sé: 

«Sono una donna che è cresciuta da sola e che si è fatta da sola. Misurandomi ogni giorno con il mondo esterno, con il maschilismo e con le regole imposte dalla società. Sono sempre stata una persona esuberante, che tocca con tranquillità anche gli argomenti “tabù” e odio il fatto che gli uomini possano farlo liberamente e noi no. Secondo me bisogna stare al passo con i tempi, il sesso piace anche a noi e questo non deve essere motivo di vergogna. È necessario che ci vengano dati i giusti riconoscimenti nella vita e nel rap».

Vedremo se sarà lei la rapper capace di abbattere i tabù e riscrivere le regole della scena urban italiana al femminile…

Le immagini utilizzate sono esclusivamente “for promo use only”, selezionate per noi da Rockol tra quelle messe a disposizione dei media da label e uffici stampa per utilizzo a corredo di articoli e notizie e/o immagini con licenza CC, come segnalato nei singoli casi.