Lady Gaga intervistata da Tiziano Ferro....

Racconta il suo nuovo “Chromatica”

È sempre un’occasione speciale quella in cui un’artista viene intervistata da un collega anziché da un giornalista: diverso l’approccio, maggiore la possibilità che emergano curiosità, superiore l’empatia. Lo scorso 29 maggio questo è accaduto quando Lady Gaga è stata intervistata da Tiziano Ferro per raccontare la sua più recente fatica discografica: la “chiacchierata” tra due pesi massimi delle classifiche pop internazionali e domestiche è avvenuta il 3 giugno su RTL 102.5 ed è ora disponibile in video su YouTube.

L’intervista ha avuto al centro il nuovo album di Miss Germanotta, “Chromatica, uscito lo scorso 29 maggio e riguardo al quale la popstar americana si è espressa così:

“Quando ho iniziato a scrivere questo album, invece, non stavo per niente bene, e il mio principale produttore - BloodPop - saliva di sopra, in cucina, e mi diceva: ’Coraggio, andiamo al piano di sotto a scrivere una canzone'. Io non volevo, ma lui insisteva. Allora venivamo giù in studio, proprio qui, in questa stanza. Questo era lo studio di Frank Zappa”.

“La verità è che il tema di questo album è danzare attraverso il dolore”: Lady Gaga ha poi spiegato che riascoltando le registrazioni di “Chromatica” si è resa conto che la sua voce suonava “così felice, piena di gioia”.

L’album include diverse collaborazioni con artisti disparati, tra i quali Elton John e Ariana Grande. A proposito di quest’ultima Lady Gaga si è espressa così:

“Le voglio un mondo di bene. È una ragazza che lavora davvero sodo. Ha un angelo nella voce. Le dico sempre che lei ha un angelo che vive nella sua gola. Ne ha passate molte ed è davvero pronta a fare questa cosa con me, a cantare di come si possa danzare attraverso il dolore e superare i traumi della vita.”

Le immagini utilizzate sono esclusivamente “for promo use only”, selezionate per noi da Rockol tra quelle messe a disposizione dei media da label e uffici stampa per utilizzo a corredo di articoli e notizie e/o immagini con licenza CC, come segnalato nei singoli casi.