VINCI ORA!

La musica su Netflix...

Una guida alla selezione dei titoli migliori

Manca il live vero e proprio, ma nel frattempo abbonda la musica in streaming, ed una delle sue componenti più interessanti è l’archivio di film, concerti e documentari a disposizione sulle piattaforme di streaming. La selezione consigliata per questa settimana riguarda tre titoli pescati su Netflix:

THE DIRT: Il bio-pic dedicato ai Mötley Crüe è stata una delle uscite più acclamate, criticate, chiacchierate e di successo dell’intero 2019. Tratto dalla biografia ufficiale della band scritta insieme a Neil Strauss “The Dirt: Confessions of the World's Most Notorious Rock Band”, il film ha conquistato un pubblico ben più ampio di quello composto dai soli fans del metal e dell’hard rock. La stroncatura dei critici, feroci nel rimarcare l’assenza di vicende che non fossero già note ai fans della band, è stata più che compensata dal marketing virale che si è generato online, grazie a dosi massicce di decadenza, sesso, droga e gesta da rockstar tra il mitico e il demenziale.

HOMECOMING: Se vi manca tanto un concerto dal vivo di Beyoncé, “Homecoming” fa al caso vostro perché immortala la diva all’apice della forma. L’artista qui è totalizzante, avendo scritto il progetto, curandone sceneggiatura, montaggio e riprese ed essendone la protagonista principale. L’occasione le è stata fornita dalla sua esibizione al Coachella Festival del 2018. La critica ne ha celebrato la grande qualità all’unanimità e il concert film, visto online da milioni di utenti, è stato ribattezzato Beychella.

WHAT HAPPENED, MISS SIMONE?: Presentato nel 2015 al Sundance Film Festival e poi candidato agli Oscar con una nomination come miglior documentario, questo biopic narra le vicende di una delle maggiori interpreti dell’intera storia del jazz, Nina Simone. Diretto da Liz Garbus, arricchito da interviste e testimonianze inedite di personaggi, amici e parenti dell’artista, il film ne approfondisce anche la vicenda umana e l’impegno sociale che caratterizzarono Nina Simone, passata dai palchi all’attivismo in difesa dei diritti civili – una missione che l’avrebbe condotta fino ad un autoesilio in Liberia per sfuggire ai disordini dei primi anni ’60 occorsi nel sud degli Stati Uniti.

Le immagini utilizzate sono esclusivamente “for promo use only”, selezionate per noi da Rockol tra quelle messe a disposizione dei media da label e uffici stampa per utilizzo a corredo di articoli e notizie e/o immagini con licenza CC, come segnalato nei singoli casi.