Jane Shemilt: Una famiglia quasi perfetta

Jenny credeva di avere costruito per sé una vita perfetta. E’ un medico, è sposata con un famoso neurochirurgo ed madre di tre adolescenti. 

La vita perfetta va improvvisamente in frantumi quando la figlia quindicenne, Naomi, non fa ritorno a casa dopo la scuola.

Le autorità lanciano l'allarme, parte una campagna nazionale per cercare la ragazza, ma senza successo. I mesi trascorrono per fare spazio alle ipotesi peggiori, dal rapimento all’omicidio. Tutte, purtroppo, ormai sempre più realistiche. In mancanza di indizi significativi l'attenzione sul caso inevitabilmente si affievolisce. Naomi è scomparsa nel nulla e la famiglia è ormai distrutta. 

Jenny però non si arrende: a un anno dalla sparizione della figlia, sta ancora cercando la verità. Ma ciò che accade ha del perverso: ogni rivelazione, ogni tassello sembra infatti allontanarla dalle certezze che aveva e sembra volerle indicare che le persone di cui si fidava nascondono terribili segreti.

Naomi per prima. E, seguendo le flebili tracce che la ragazza ha lasciato dietro di sé, Jenny realizzerà che sua figlia è molto diversa dalla ragazza che pensava di aver cresciuto.