Georgieness: il silenzio è rotto in attesa dell’autunno

Dopo il ritorno con “Maledetta”, esce il nuovo singolo di Giorgia D'Eraclea, in arte Giorgieness, anticipazione di un album la cui uscita è attesa entro la fine del 2020. Si intitola "Hollywoo" (proprio così, senza la d finale) ed è un brano ispirato a grandi icone del passato come Amy Winehouse e Marylin Monroe. Giorgia, autrice del brano prodotto da Ramiro Levy (voce e chitarra dei Selton), Marco Olivi (Ghemon, Ex Otago) e Davide Napoleone l’ha raccontato così:

“Penso che la musica cresca con la persona che la fa, e sono passati quasi dieci anni da quando ho cominciato a scrivere per Giorgieness. Avevo trovato nel rock duro, quasi grunge, la giusta forma per quello che provavo: rabbia, amore che travolge e distrugge, dolore, incertezza, il crescere stesso. Negli anni però ho sviluppato un modo diverso di approcciarmi alla vita, non sento più il bisogno di 'urlare' per farmi sentire, ho scoperto che è dal dialogo e dalla testa che partono le rivoluzioni. Anche il mio approccio alla scrittura è molto cambiato: ho voluto renderla semplice e profonda, più di prima, aprendo una finestra sul mondo che vedo, non solo su quello che ho dentro” 

La precedente “Maledetta”, uscita lo scorso 28 maggio, aveva rotto un silenzio che durava da due anni: così, di nuovo, l’artista:

“Due anni di silenzio sono tanti, ma mi sono stati necessari per la scrittura del nuovo album, per ritrovare il mio vero suono, quello di oggi. 
Maledetta è stata un colpo di fulmine, ha fatto innamorare me e il team col quale sto lavorando, è stato il nostro primo contatto.
Maledetta è tante cose: l’ho descritta fino adesso come quel sentimento che si prova quando deludi qualcuno senza farlo apposta e l’altro lo sa e non ti fa sentire sbagliato. È anche una riflessione su come l’amore sia prezioso proprio perché non infinito, perché non solo va coltivato ma hai la consapevolezza che potrebbe finire e invece di pensare “al per sempre” preferisco vedere il verbo “amare” come un verbo al futuro, propositivo e di costruzione, a due, per quanto ci sarà concesso.
Ma nel tempo ho capito che è anche una lunga chiacchierata allo specchio con me stessa, su quanto sono cambiata, su come anche nei momenti neri di questi due anni non ho mollato. Ci tenevo che il finale fosse corale, parto da sola e finisco con le due persone che hanno creduto in me di nuovo prima degli altri, Ramiro e Davide”.

Le immagini utilizzate sono esclusivamente “for promo use only”, selezionate per noi da Rockol tra quelle messe a disposizione dei media da label e uffici stampa per utilizzo a corredo di articoli e notizie e/o immagini con licenza CC, come segnalato nei singoli casi.