“David Bowie – Le Storie Dietro Le Canzoni”

Se siete pronti a una full immersion di 400 pagine dedicate al songbook del Duca Bianco, questo volume pubblicato da Giunti Editore per la collana Bizarre è ciò che fa per voi.

“DAVID BOWIE – LE STORIE DIETRO LE CANZONI” si annuncia come il più completo e preciso volume sull’arte di David Bowie, mai indagato a questo livello di ricerca e dettaglio. Le pagine di questo libro coprono i primi 12 anni della vita artistica di Bowie. Seguirà un secondo volume con tutto il resto della produzione. 

David Bowie è un personaggio immenso e ingombrante per la cultura rock, che copre sei decenni e vanta una discografia monumentale. Orientarsi nel suo mondo non è semplice, serve un libro come questo, primo volume di due, perché per spiegare nel dettaglio le centinaia di canzoni del “White Thin Duke” e le sue molteplici mutazioni occorrono non meno di un migliaio di pagine. Qui si parte dagli anni ‘60, dall’imberbe Davey Jones che è ancora un personaggio in cerca di autore, e si arriva al 1976, dopo i tentativi nel mondo beat e folk, dopo le prove teatrali con il grande mimo Lindsay Kemp, dopo che David è diventato Ziggy Stardust, re della musica glam. Una straordinaria cavalcata nel “classic rock” scandita da canzoni epocali come “Space Oddity”, “Changes”, “Life On Mars?”, “Starman”, raccontando come è regola nella serie la genesi, la storia, la fortuna o sfortuna di tutte le canzoni, con aneddoti poco raccontati e, soprattutto, con le dichiarazioni del loquace egocentrico protagonista.

L’autore del primo dei due tomi è Paolo Madeddu, giornalista milanese prevalentemente musicale, già nelle file di Rockol e che attualmente collabora con Rolling Stone, TRX Radio, aMargine, Link, Riders Magazine, HvsR, Fondazione Symbola.

Le immagini utilizzate sono esclusivamente “for promo use only”, selezionate per noi da Rockol tra quelle messe a disposizione dei media da label e uffici stampa per utilizzo a corredo di articoli e notizie e/o immagini con licenza CC, come segnalato nei singoli casi.