Billie Eilish: The World’s A Little Blurry...

 In arrivo il documentario

"Billie Eilish: The World’s A Little Blurry” è il titolo del documentario che racconta la storia dell'arrivo al successo della giovane artista statunitense. Un mese fa è stato diffuso il primo trailer, da oggi è disponibile il secondo, guardalo qui.

Diretto dal regista R.J. Cutler, il documentario racconta vita pubblica e privata di Billie, e la realizzazione dell'album "When we all fall asleep, where do we go?"; vi prendono parte, oltre a Billie Eilish, anche il fratello Finneas O’Connell, la madre Maggie Baird e il padre Patrick O’Connell.

In una recente intervista su Vanity Fair, parlando di 'The World's a Little Blurry', che uscirà su Apple Tv+ il prossimo 26 febbraio, ha raccontato che è stato girato tra il 2018 e l'inizio del 2020 e anticipato che rivelerà dettagli intimi e sconosciuti su di lei, comprese le sue relazioni, ed ha anche ammesso di aver trovato difficile all'inizio guardare il film.

"Riguarda davvero la mia vita, in un modo tale che non me lo aspettavo ed è stato piuttosto brutale da rivivere". Ma quell'esperienza alla fine è stata molto gratificante e le ha portato qualcosa di inaspettato. "Alcune parti della mia vita erano un inferno e non avevo idea che qualcuno lo stesse vedendo. Il fatto che ci sia un filmato e che potete vedere le mie emozioni. È come, non posso fare a meno di pensare all'ultimo episodio di 'The Office' quando Erin dice, 'Come hai fatto? Come hai davvero capito come ci sentivamo e cosa stavamo facendo? Come hai fatto?' Guardavo quell'episodio e mi dicevo, 'Sarebbe fantastico se qualcuno lo facesse e tu potessi rivedere quelle parti della tua vita da una prospettiva diversa' E l'ho fatto!".

Billie Eilish, che sta lavorando al suo secondo album, ha da poco pubblicato il singolo "Lo vas a olividar", cantato con Rosalìa, un brano che fa parte della colonna sonora del nuovo episodio speciale della serie tv 'Euphoria'.

Le immagini utilizzate sono esclusivamente “for promo use only”, selezionate per noi da Rockol tra quelle messe a disposizione dei media da label e uffici stampa per utilizzo a corredo di articoli e notizie e/o immagini con licenza CC, come segnalato nei singoli casi.