Antonella Lattanzi: Una storia nera

Vito Semeraro si è separato da qualche tempo dalla moglie Carla. Ma la piccola Mara il giorno del suo terzo compleanno si sveglia chiedendo del papà. Carla, per farla felice, lo invita a cena. A due anni dal divorzio, la famiglia per una sera è di nuovo unita: Vito, Carla, Mara e i due figli più grandi, Nicola e Rosa. I regali, la torta, lo spumante: la festa va sorprendentemente liscia. 

In realtà, anche Carla in fondo aveva voglia di rivedere il grande amore della sua vita, l'unico, per quanto Vito fosse diventato anche un marito geloso, violento, capace di picchiarla per un sorriso al tabaccaio o per un vestito troppo corto. "Può mai davvero finire un amore così? anche così tremendo, anche così triste". 

A Roma, il 7 agosto 2012, il giorno dopo la festa di compleanno di Mara, Vito scompare nel nulla. Se ne perdono le tracce. Carla e i ragazzi lo cercano disperatamente; e non sono gli unici, perché Vito da anni ha un'altra donna e un'altra quasi figlia, una famiglia clandestina che da sempre relega in secondo piano. Ha anche una sorella e un padre potenti, giù a Massafra, in provincia di Taranto…

Antonella Lattanzi mette a punto un meccanismo narrativo miracoloso in cui si fondono un giallo, un noir e una storia d'amore. Creature splendidamente ambigue percorrono in funambolico equilibrio il crinale che separa bene ad un ritmo incalzante e cinematografico.

Continua a leggere, scarica subito!